riflessologia plantare2020-02-02T03:14:00+00:00

Riflessologia plantare

La riflessologia plantare è una particolare tecnica di massag­gio che si pratica sulle piante dei piedI; essa si basa sul principio che sulle varie zone del piede sono riflesse tutte le funzioni e gli organi del corpo umano come in una vera e propria mappa, e che la manipolazione di questi punti provoca una generale riarmonizzazione di tutto l’organismo con il miglioramento di numerose patologie organiche.
Già praticata da migliaia di anni in Cina e in India, la rifles­sologia è stata introdotta in Occidente all’inizio di questo seco­lo dal medico americano William H. Fitzgerald, considerato il padre della moderna riflessologia, e sviluppata poi da altri stu­diosi in tutto il mondo.La tecnica del massaggio plantare non costituisce soltanto un utile mezzo terapeutico, ma si rivela anche un metodo diagnostico; infatti, tramite la pressione delle varie zone del piede, possono evi­denziarsi delle zone doloranti, che spesso denunciano un disturbo negli organi corrispondenti secondo la mappa riflessologica.Si tratta di una tecnica semplice e non invasiva, adatta a persone di tutte le età, in grado di contribuire alla cura e alla pre­venzione dei più comuni disturbi e al mantenimento di una buona condizione generale di salute.

ORIGINI DELLA RIFLESSOLOGIA PLANTARE

II massaggio riflesso del piede a fini terapeutici è stato prati­cato fin dall’antichità presso popoli e civiltà diverse. In Cina se ne parla nel dodicesimo capitolo del Nei Jing, il più antico trat­tato di medicina cinese, che risale al 2700 a.C., mentre diverse tracce di trattamenti riflessoterapici si trovano anche in India (molto nota, per esempio, è la rappresentazione del piede di Buddha con tutti i simboli del corpo). La riflessologia era ben conosciuta anche presso gli indiani d’America, dove è sempre stata tramandata per tradizione orale; ancora oggi è possibile vederla praticare nelle riserve indiane.In tempi più recenti, nei primi anni del Novecento, una prima teoria delle zone riflesse fu elaborata dal medico americano William H. Fitzgerald, specializzato in otorinolaringoiatria, che lavorò in vari ospedali negli Stati Uniti e in Inghilterra. Probabilmente già interessato alle tecni­che riflessoterapiche praticate nelle tribù indiane, Fitzgerald venne a conoscenza del metodo cinese di massaggio zonale; da questi studi sviluppò la sua terapia delle zone riflesse, secondo cui la pressione e il massaggio di certe zone del corpo (come mani, piedi, naso, orecchie) migliorano le funzioni dei diversi organi e riducono le sensazioni di dolore.Le ricerche di Fitzgerald furono proseguite dalla massaggiatri­ce americana Eunice Ingham, che fecalizzò i suoi studi sul piede come parte del corpo più sensibile; negli anni Trenta tracciò una mappa dettagliata delle zone del piede in rapporto con gli organi del corpo e iniziò a divulgare la riflessologia attraverso corsi e seminari. Da allora il metodo si è ampiamente diffuso, riscuoten­do ovunque il favore dei pazienti sia per la dimostrata efficacia, sia per la sua semplicità come trattamento non invasivo.

PRINCIPI TEORICI DELLA RIFLESSOLOGIA PLANTARE

Secondo la riflessologia, sulle piante dei piedi sono proiettati tutti gli organi e le funzioni del corpo: sulle piante dei piedi sono situate, in effetti, migliaia di ter­minazioni nervose e, secondo la medicina cinese, anche le ter­minazioni di molti meridiani energetici. In caso di circolazione del sangue lenta o difettosa, si depositerebbero in questi punti dei cristalli di acido urico, altre tossine o stasi energetica; con il massaggio, si provoca il progressivo scio­glimento dei depositi, favorendo il ristabilimento della circolazione e, di conseguenza, la riarmonizzazione funzionale dell’organo o della parte del corpo corrispondente. Naturalmente il massaggio plantare non ha soltanto lo scopo di agire su una parte del corpo o su un singolo disturbo, ma sblocca e stimola la circolazione dell’energia vitale, provocando una generale rivitalizzazione dell’organismo; tutte le risorse interne verranno allora coinvolte in un naturale processo di autoguarigione.

VALORE DIAGNOSTICO DELLA RIFLESSOLOGIA PLANTARE

La riflessologia plantare viene considerata anche un importante aiuto diagnostico; infatti, se per ogni organo del corpo esiste una zona corrispondente riflessa sul piede, sarà possibile stabilire se e fino a che punto una parte del corpo funziona correttamente o no (Krasensky, 1987). La sensazione che il paziente prova quando il terapeuta preme un certo punto – piacere, indifferenza, oppure fastidio o dolore – può fornire utili indicazioni sullo stato di equilibrio dell’organo corrispondente a quel punto riflesso nel piede, che viene stimolato e quindi “interrogato”. La riflessologia plantare può assumere in molti casi un valore preventivo. Molto spesso, comunque, un ciclo di trattamen­ti è di per sé sufficiente a riequilibrare molti disturbi, tanto che un punto riflesso inizialmente dolente dopo qualche seduta può essere massaggiato senza più provocare alcun fastidio.

TECNICA DELLA RIFLESSOLOGIA PLANTARE

Le varie zone del piede non vengono premute a caso, ma seguendo la mappa dei punti riflessi secondo un percorso ben preciso. Infatti il corpo umano è rappresentato nel piede come un uomo seduto e i punti riflessi hanno la stessa sequenza che gli organi corrispondenti hanno nell’anatomia del corpo: si parte dalla testa, riflessa nelle dita, per scendere poi fino al bacino, riflesso nella zona del calcagno.Per ogni paziente il riflessologo imposta un trattamento per­sonalizzato, programmando uno schema di punti da trattare nel ciclo delle sedute secondo i problemi specifici; ma alcune zone del piede devono essere stimolate in ogni caso, perché sono basilari per la salute. In particolare, trattando i punti del piede corrispondenti all’apparato urinario, si smuovono le tossine accumulate nell’organismo, che entrano in circolo e vengono eliminate dai reni e dal fegato, favorendo la disintossicazione del corpo.

COME SI SVOLGE UNA SEDUTA DI RIFLESSOLOGIA PLANTARE

Dopo un colloquio iniziale e un’analisi dell’eventuale docu­mentazione medica, il paziente viene fatto stendere su un lettino con la schiena leggermente sollevata, per facilitare il rilassamento degli arti inferiori e della schiena, si pone anche un piccolo cuscino o un rullo morbido sotto le ginocchia. Il tera­peuta osserva attentamente lo stato della pelle, la colorazione, la localizzazione di eventuali callosità o desquamazioni, lo stato circolatorio (particolari che spesso danno informazioni sul “lin­guaggio corporeo” e lo stato generale della persona) e procede poi al massaggio dei piedi. In genere una seduta ha una durata media di 45 minuti, ma i tempi possono ridursi in caso di persone che presentano reazio­ni particolari o di bambini piccoli. Un ciclo di trattamenti è com­posto di solito da una decina di sedute, da svolgersi una o due volte la settimana.
Qualche volta si può verificare un leggero peggioramento dei sintomi dopo la prima seduta, ma il fenomeno è di breve durata, e di solito i benefici si notano già dopo quattro o cinque sedute.

BENEFICI DELLA RIFLESSOLOGIA PLANTARE

II campo di applicazione della riflessologia plantare è piuttosto vasto e comprende molti comuni disturbi, come dolori articolari, mal di schiena, artrosi cervicali, lombalgie e sciatalgie, emicranie, problemi digestivi e mestruali, stress e stati di tensione, allergie, disfunzioni ormonali; anche problemi più gravi, come malattie cardiache o circolatorie, possono trarre giovamento dai tratta­menti, che devono però essere praticati con cautela e sotto il controllo medico. Il massaggio riflesso risulta invece controin­dicato in caso di micosi, ulcere, varici, flebiti, problemi vasco­lari di grave entità.Come si è visto, la riflessologia può rivelarsi un ottimo strumento di aiuto.

Contattami per maggiori informazioni.